Eventi

Katastrophé

Evento concluso

Silvia Vespasiani + Paolo Groff
Katastrophé
a cura di Patrizia Digito
Orario: Tutti i giorni dalle 17,30 alle 19,30 o su appuntamento.

Silvia Vespasiani+Paolo Groff
Katastrophé

Il progetto fotografico realizzato da Silvia Vespasiani + Paolo Groff indaga le conseguenze del sisma che nel 2012 ha pesantemente colpito il territorio emiliano partendo da una riflessione sulla parola greca Katastrophé, che significa rivolgimento, rovesciamento, punto critico, soluzione finale dell’intreccio.
Usando il linguaggio della visualizzazione concettuale, la sequenza delle immagini conduce su un percorso all’interno del Centro di Raccolta delle Opere d’Arte di Sassuolo . Tali opere, colpite e sottoposte a riparazione, nella visione dei fotografi divengono espressione simbolica universale del rivolgimento indotto da un evento eccezionale.
Gli autori osservano le opere negli ambienti che le accolgono in modo discreto, oggettivo, consapevoli di non poter fruire delle stesse nella loro naturale caratterizzazione di materiali, forme e colori, bensì solo attraverso la mediazione della fasciatura di sicurezza, della scheda di catalogazione e dell’illustrazione che ne segnala l’identità.
Le opere vengono fotografate come oggetti d’arte, non come simboli del cattolicesimo, a cui la catastrofe ha imposto di non essere visti direttamente (negando, quindi, il principio per cui sono stati creati). Ogni opera fasciata e la propria illustrazione diventano, pertanto, due entità diverse e dissociate; le fotografie ritraggono entrambe all’interno del medesimo campo in modo che l’immagine dell’opera si possa ricomporre attraverso il guardare simultaneo del fruitore.
Così come avviene nei ritratti di persone, il punto di vista inquadra direttamente le figure. Questa convenzione, consueta nella fotografia che usa l’estetica dell’impassibilità selezionando la posizione più semplice e neutrale, comporta che noi percepiamo di avere con il soggetto raffigurato un rapporto diretto e che, mentre lo guardiamo, esso ci comunichi altro.
In tal senso, le fotografie di Silvia Vespasiani + Paolo Groff fanno molto più che sollevare la questione riguardo a ciò che possiamo presumere di riconoscere di un soggetto da ritrarre in base all’aspetto esteriore. Esse suggeriscono i dettagli di quanto è accaduto senza descriverli univocamente.
D’altro canto, un sisma non è solo un evento terrestre e quindi esclusivamente legato a fenomeni fisici di stravolgimento, ma è, nel profondo, un cambiamento che si insinua negli uomini e nei loro riferimenti culturali e storici; è uno scossone che smuove molto più di cumuli di pietre poste ad arte per creare monumenti, chiese ed abitazioni. E’ un rovesciamento, un punto critico che mette in discussione tante certezze.
Dunque, si declina il concetto di Katastrophé come rottura di livelli assestati del linguaggio e come superamento delle apparenze: non c’è niente di stabile e di determinato; tutto è in rivolgimento, in assestamento.
(Patrizia Digito)

Silvia Vespasiani è nata a San Benedetto del Tronto nel 1967. Architetto Ph.D, dopo la laurea si trasferisce a Barcellona fino al 2004, dove affianca il lavoro professionale a ricerche sulle trasformazioni dello spazio urbano in cui sperimenta la fotografia come strumento disciplinare d’indagine e di rappresentazione. Attualmente si dedica a progetti fotografici di lungo termine prevalentemente rivolti alle trasformazioni dei luoghi abitati.
silviavespasiani@gmail.com

Paolo Groff è nato a Trento nel 1964. Medico d’urgenza, si appassiona alla fotografia all’età di sedici anni e vi si dedica da allora in forma amatoriale. I suoi lavori fotografici si occupano principalmente di paesaggi antropizzati in cui i territori dell’uomo ed i suoi oggetti vengono osservati come veicolo di analisi dell’abitare contemporaneo.
groff.paolo64@gmail.com

Mostre collettive
Rosolinamare, Museo Regionale della Bonifica Cà Vendramin Taglio di Po (2015, Silvia Vespasiani); Katastrophé, DOCfield Dummy Award Fundaciò Banc Sabadell The Folio Club Barcellona (2015, Silvia Vespasiani + Paolo Groff), Strato Impermeabile, Palazzina Azzurra San Benedetto del Tronto (2014, Silvia Vespasiani); Guardare dentro il quartiere, Palazzina Azzurra San Benedetto del Tronto (2014, Paolo Groff).

Stampe: Labor-Foto di Campanelli Pierdomenico, San Benedetto del Tronto

spaziolavi.wordpress.com – spazio.lavi@gmail.com – (+39) 3892862551
Via Roma 8, 62028 Sarnano (MC)

facebook.com/spazio.lavi
@spaziolavi

Allegati

icona file/pdf
Vespasiani Groff Spazio Lavì
[619 KB - Ultima modifica: 02/12/2015]

Informazioni

Sito webhttp://www.spaziolavi.wordpress.com
Email per informazionispazio.lavi@gmail.com
Contatti+39 389 286 255 1
Condividi
Logo del SINP - Sistema Informativo della provincia di Macerata
Il Comune di Sarnano
aderisce al SINP e al Centro Servizi Territoriale
della provincia di Macerata