SARNANO-SASSOTETTO: SUCCESSO PER L’APPUNTAMENTO MACERATESE CON L’AUTOMOBILISMO

Il secondo appuntamento stagionale con il Campionato Italiano Montagna ha visto il successo organizzativo del Trofeo Lodovico Scarfiotti

Sarnano – L’italiano Montagna Acisport dell’automobilismo ha fatto tappa lo scorso fine settimana nel maceratese con la disputa della classica cronoscalata Sarnano-Sassotetto. Sono stati circa 200 i piloti protagonisti del tricolore auto moderne e storiche, che si sono misurati lungo gli spettacolari 9927 metri della salita dedicata al grande campione Scarfiotti, bi-campione europeo della specialità negli anni sessanta. Il successo assoluto è andato nella gara storiche valida per il CIVSA (14° Trofeo Storico Scarfiotti) al fiorentino Stefano Peroni con il nuovo record in condizioni d’asciutto, mentre gli assi Christian Merli e Simone Faggioli si sono giocati la vittoria assoluta nella gara moderne (31° Trofeo Scarfiotti valido per il CIVM) sotto la pioggia, che li ha visti separati di 6 centesimi di secondo al chilometro di media a favore del pilota trentino, in un duello sportivo da leggenda, ammirato in diretta tv e social grazie ad Acisport, dagli appassionati da tutta italia.

L’intervento dell’Amministrazione Provinciale del presidente Sandro Parcaroli sul percorso, con il rifacimento di alcuni tratti di fondo stradale è stato particolarmente apprezzato dai protagonisti che non hanno lesinato in impegno.

E’ stata un’edizione che dopo tre anni ha visto finalmente il ritorno del pubblico lungo il percorso, che ha potuto finalmente ammirare lo spettacolo fornito dai protagonisti.

Tra le autorità che hanno seguito la manifestazione non è voluto mancare Sandro Parcaroli, presidente della Provincia di Macerata: “Nonostante una leggera pioggia che però ha reso ancora più emozionante l’intera gara, la manifestazione Sarnano-Sassotetto ha riscosso un enorme successo e ha permesso di valorizzare le nostre aree interne, le loro bellezze paesaggistiche e naturalistiche, grazie a un evento che promuove la Provincia di Macerata a livello nazionale.”

Non poteva che entusiasmarsi il delegato CONI di Macerata Fabio Romagnoli: “Una giornata molto particolare e bella. Ho potuto apprezzare il lavoro degli organizzatori, ed anche il feeling con l’Amministrazione Comunale. Questo, nonostante che la pioggia l’abbia messa a dura prova, anzi ne ha esaltato le capacità. Ho seguito la grande passione dei piloti, nei piccoli gesti, anche degli accompagnatori e dei meccanici. Un’esperienza veramente bella da vivere e rinnovo di nuovo i complimenti a tutti per l’ottima riuscita della manifestazione.”

Fondamentale l’apporto del Comune di Sarnano, grazie all’attaccamento alla tradizione motoristica. Queste le impressioni del primo cittadino Luca Piergentili: “Il bilancio di questa edizione non può che essere positivo. Siamo riusciti ad avere duecento piloti e grazie alla positiva sinergia con lo staff organizzatore, abbiamo ricevuto gli apprezzamenti dei team e dei piloti stessi. Una tre giorni particolare iniziata con un bellissimo sole e condizionata da metà mattina della domenica dalla pioggia, che ci ha messo un po’ in difficoltà per le procedure particolari da adottare. Tutto è comunque filato liscio e dal punto di vista sportivo abbiamo potuto ammirare i campioni della specialità, lottare sui centesimi di secondo per il successo assoluto e per gli altri piazzamenti. E’ stata una bella gara anche per la Sarnano Corse che ha centrato ottimi risultati, una soddisfazione per un lodevole impegno che dura tutto l’anno. Dal punto di vista delle presenze l’evento ha registrato il tutto esaurito nelle nostre strutture ricettive come ci aspettavamo. Ringraziamo l’Automobile Club Macerata e la sua sezione sportiva per la collaborazione che ci lega da tanti anni e che andrà avanti ancora per molto. Ringraziamo la Provincia di Macerata nella persona del presidente Parcaroli per il sostegno che ha dato all’evento e per i lavori che hanno portato a termine per migliorare il tracciato in sicurezza. Ringraziamo la Regione Marche per il supporto che ci ha dato ed i partner che ci permettono di proseguire, e non è scontato in questo periodo.

L’impegno che mette il Comune è forte, è un impegno che si protrarrà perché riconosciamo la valenza della manifestazione, testimoniata anche dall’attaccamento dei sarnanesi. Devo citare l’assessore Stefano Censori che ha contribuito in maniera fondamentale assieme ad un gruppo di appassionati locali ed anche la Pro Loco di Sarnano.”

Ecco alcuni commenti dei piloti raccolti nel dopo-gara, iniziando dal torinese Mario Massaglia, secondo assoluto tra le storiche: “E’ la prima volta che completo, la gara. Sono venuto anche l’anno scorso, ma ho rotto la macchina dopo la prima salita di prova e ho dovuto rinunciare. Quest’anno è andato tutto bene su un percorso che mi piace molto e devo fare i complimenti all’organizzazione. Ci hanno aiutato anche con l’alternanza delle prove al sabato, bravi.”

Il fiorentino Tiziano Nocentini, spesso presente a Sarnano con una Chevron storica che ricorda la vettura sport di Scola che vinse la quarta edizione del 1972: “La gara è bellissima, una delle più belle e tecniche di tutti i campionati. Mi dispiace che le moderne hanno gareggiato sotto l’acqua. Da quando sono venuto a Sarnano la prima volta non sono più mancato. Spero che il prossimo anno possano fare un altro tratto di percorso.”

Tra le moderne, un parere dalla “lady” trentina Gabriella Pedroni: “Mi piace moltissimo correre qua. Sono proprio portata per le gare lunghe perché impiego un pochino a prendere il ritmo, e per me è stata una bellissima gara. Avevo qualche perplessità per la pioggia, ma in queste condizioni è complicato per tutti. La mia trazione integrale è stata utile.”

Una degli exploit più apprezzati è stato quello del pugliese Ivan Pezzolla che ha portato al debutto la Nova Proto a motore motociclistico: “Mi sono veramente divertito a salire, fin dalle prime curve ho sentito che la macchina rispondeva bene, ho preso fiducia pensando che in alto sarebbe andata meglio. L’obiettivo di questa gara era di raccogliere i primi dati per il team Faggioli e verificare la

funzionalità della vettura che ha un ottimo potenziale.”

Un cenno per il Memorial Giovanni Battistelli, istituito per ricordare il presidente dell’AC Macerata che riportò in calendario nel 2008 la gara dopo una lunga interruzione. Dall’anno seguente sono state introdotte le auto storiche, che hanno poi corso per il tricolore dall’edizione 2013, con il maceratese Andrea Stortoni sempre al via: per questo si è meritato l’assegnazione del Trofeo.

Lo staff organizzatore ha ricevuto il sostegno anche dall’Associazione Piloti e Motori, e da diversi sponsor tra i quali Nuova Simonelli, Tecnostampa, Pigini Group, Coal e Terme di San Giacomo.

Contenuto inserito il 05/05/2022
torna all'inizio del contenuto
torna all'inizio del contenuto
Questo sito è realizzato da Task secondo i principali canoni dell'accessibilità